Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Rendicontazione O.C.M. entro il 30/06

Come avviene annualmente, per agevolare tutti i Soci interessati alla rendicontazione dell’O.C.M. 2014, l’O.P. Pempacorer e Terremerse effettueranno, presso gli stabilimentidella Cooperativa, il servizio di raccolta dei documenti e di predisposizione della domanda per ottenere i contributi. Di seguito sono riportate le informazioni necessarie e la documentazione obbligatoria per presentare le domande.

Leggi tutto...

A Sermoneta (LT) un incontro sul melograno

Giovedì 3 aprile a Sermoneta si svolgerà un incontro dal titolo “Il melograno: la coltivazione e le prospettive della coltura nell’area di Latina”, nel corso del quale verranno presentate le proposte della O.P. PEMPACORER e della Cooperativa Terremerse.

Leggi tutto...

Terremerse e Pempacorer vincenti al Pomodorino d’Oro Mutti

Leggi tutto...

Pempacorer partecipa alla fiera “Fruit Logistica” di Berlino

“Fruit Logistica”, in programma a Berlino dal 5 al 7 febbraio, è la fiera internazionale più importante per il marketing ortofrutticolo. Un appuntamento cui l’O.P. Pempacorer non può mancare

Leggi tutto...

Intervista a Ibrahim Saadeh – Direttore Pempacorer

Bilancio stagione 2013

E’ stata un’annata abbastanza difficile, inizialmente per gli andamenti climatici e successivamente per l’anomalo andamento di mercato.

Le prime difficoltà sono arrivate ad aprile nella prima fase della semina e del trapianto a causa delle piogge abbondanti che hanno allagato i terreni ritardando o in alcuni casi impedendo le semine e il trapianto. Poi sono arrivate settimane di caldo torrido e siccità che hanno provocato grande sofferenza alle piante e allegagione parziale, fino ad arrivare alle ultime manifestazioni atmosferiche, in piena fase di raccolta, con forti piogge, vento e grandinate.

Nel pomodoro da industria, ad esempio, abbiamo avuto una riduzione media di circa il 20% rispetto al piano di coltivazione, mentre per le orticole da industria abbiamo dovuto rinunciare alla semina di centinaia di ettari programmati e contrattati con l’industria di trasformazione.

Per quanto riguarda le frutticole, le produzioni sono state inferiori alle aspettative per le principali referenze estive, ossia albicocche, pesche e nettarine. Le albicocche (che hanno fatto registrare decrementi di produzione anche del 50% in alcune aree) hanno però ottenuto ottimi prezzi di mercato. Pesche e nettarine precoci e medio-precoci hanno avuto prezzi interessanti. Poi, nonostante le quantità ridotte di prodotto, il prezzo è comunque calato con un andamento di mercato alquanto anomalo. Infine, anche per le pere si è registrato un calo di produzione; buoni comunque i prezzi. Vedremo nel proseguo del mercato nei prossimi mesi.

Aggregazione e concentrazione

L’O.P. Pempacorer ha partecipato attivamente alla nascita ed è direttamente coinvolta nell’attività del consorzio “Kiwifruit of Italy” (che rappresenta più di 1 milione di quintali di kiwi Hayward, pari ad oltre il 20% dell'intera produzione italiana) e del consorzio “Peraitalia” (la prima O.I. italiana nel comparto delle pere: rappresenta circa il 12% del totale della produzione nazionale e oltre il 25% del totale della produzione di Abate Fetel) con l’obiettivo comune di far recuperare la redditività del settore attraverso nuovi strumenti e differenti modi di operare sui mercati globali.

Nuovi mercati

La grave crisi economica e il calo dei consumi interni (dieci anni fa si acquistavano 417 Kg annui di ortofrutta per famiglia, oggi si acquista 86 Kg in meno -21%), fanno sì chel’attenzione dell’O.P. Pempacorer verso i nuovi mercati sia sempre molto alta. Da segnalare il nuovo canale commerciale aperto con la Corea per il Kiwi, mentre stiamo attendendo la chiusura definitiva della trattativa per l’esportazione di mele e pere negli USA. Gli altri nuovi mercati sui quali abbiamo iniziatoad intraprendere rapporti sono la Russia e i Paesi del Medio Oriente. Esportare verso i mercati emergenti risulta però difficile in quanto si tratta di mercati “giovani” con regole incerte e forme di protezionismo poco prevedibili. Questo aspetto deve essere valutato con estrema attenzione nel momento in cui si mettono a punto programmi e misure di promozione per favorire l’internazionalizzazione delle imprese.

Difficoltà e criticità dei mercati globali

Innanzi tutto le barriere fitosanitarie che, più di quelle doganali, rappresentano ad oggi il maggiore ostacolo per le esportazioni di ortofrutta verso i principali mercati extra europei , i quali, molto spesso, dietro al paravento di particolari condizioni fitosanitarie, mascherano vere e proprie misure di protezionismo per difendere le produzioni locali. Ciò e reso ancora più difficile in quanto ci sono Paesi che preferiscono trattare direttamente con il singolo Stato interessato e altri che vogliono interfacciarsi con la Commissione europea, che deve prima coordinare le diverse posizioni dei singoli Stati membri coinvolti, con inevitabile allungamento dei tempi.

Dunque, per incrementare l’accesso all’internazionalizzazione delle imprese e per consolidare l’attività quelle che già operano fuori dai confini nazionali è indispensabile un’azione di supporto efficace delle istituzioni che si occupano dell’organizzazione e dell’erogazione dei servizi per l’export ortofrutticolo e agroalimentare.

Prospettive

Nonostante la crisi, il calo dei consumi, le difficoltà del credito e l’aggravio burocratico, le nostre imprese rappresentano un pilastro importante dell’agricoltura e dell’economia Italiana. Per aumentare la nostra competitività e fare un salto di qualità ci serve però un nuovo approccio di sistema, che faccia forza sul valore del Made in Italy insieme a un maggior spirito di aggregazione che metta a valore le nostre eccellenze. Ecco perché noi dell’O.P. Pempacorer siamo sempre attenti e alla ricerca di valide collaborazioni e sinergie. In questo 2013, ad esempio, implementeremo la nostra base sociale con l’ingresso di nuovi soci che rappresentano realtà molto importanti del panorama ortofrutticolo del nostro territorio.

Fiera Macfrut 2013

Saremo al solito stand (205-206-213-214 Pad. B.). Oltre al sottoscritto ci saranno ovviamente il Presidente di Pempacorer, Luciano Pula, il Presidente di Terremerse Marco Casalini, l’Ad Gilberto Minguzzi, il direttore del Settore Ortofrutta di Terremerse Egidio Mordenti, tutto lo staff tecnico e commerciale di Pempacorer e Terremerse, oltre a diversi rappresentanti delle varie strutture socie dell’O.P., in particolare quelle di Latina.